Repubblica Ceca: il ransomware utilizzato durante l’attacco informatico dello scorso dicembre ai danni dell’ospedale di Benešov, era probabilmente di origine russa, riferisce il Radiožurnál dell’emittente Cesky Rozhlas

Conosciuto come Ryuk, il virus prende di mira le istituzioni e le aziende che lavorano con dati sensibili. “Se l’attacco ha esito positivo, il gruppo di hacker può quindi chiedere un riscatto in cambio della restituzione dei dati dell’istituzione colpita”, ha dichiarato Miroslav Dvořák della società di sicurezza informatica Eset a Radio ceca.

Il governatore della regione della Boemia centrale Jaroslava Pokorná Jermanová afferma di non essere a conoscenza del riscatto pagato o richiesto e che solo una quantità relativamente piccola di dati è andata persa.

L’attacco ha paralizzato l’ente per giorni poiché il personale non è stato in grado di utilizzare radiografie, ultrasuoni o strumenti di laboratorio e non è stato in grado di scambiare informazioni con altri ospedali.

“Stiamo effettuando un’analisi forense dei dati dell’ospedale. Il ransomware attacca altre organizzazioni non solo nella Repubblica Ceca. La campagna non è circoscritta a nessun settore, potrebbe colpire altrove. Il virus è stato anche rilevato dai nostri partner “, ha affermato il portavoce dell’Ufficio nazionale per la sicurezza informatica e delle informazioni (NÚKIB), Radek Holý.

 

https://www.irozhlas.cz/zpravy-domov/nemocnice-benesov-kyberneticky-utok-ransomware-vykupne-ochrana-osobnich-udaju_2001140615_cha

Twitter
Visit Us
LinkedIn
Share
YOUTUBE
YOUTUBE