Kaspersky ha presentato il suo ultimo report sull’evoluzione delle minacce nel terzo trimestre del 2019 “IT Threat Evolution Report Q3 2019”, identificando un nuovo attacco ransomware rivolto ai Network Attached Storage (NAS) che sta attivamente crescendo in popolarità.

L’attacco rivolto ai NAS comporta nuovi rischi per i dati di backup generalmente archiviati su questi dispositivi. I NAS sono considerati generalmente dispositivi tecnologicamente sicuri, di conseguenza gli utenti sono abbastanza impreparati di fronte ai possibili rischi di infezione, esponendo così i loro dati ad un rischio ancora più grande.

I dati presentati dai ricercatori Kaspersky mostrano come i prodotti Kaspersky hanno rilevato e respinto gli attacchi di ransomware di crittografia a 229.643 utenti dei prodotti Kaspersky, l’11% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Nonostante il numero totale di utenti interessati sia leggermente ridotto, il report mostra che il numero di nuove modifiche al ransomware di crittografia è passato da 5.195 nel terzo trimestre 2018 a 13.138 nel terzo trimestre 2019, segnando una crescita del 153%. Questo sviluppo segnala l’interesse cibercriminale per questo tipo di malware.

Al tempo stesso, la famigerata famiglia di Trojan WannaCry ha mantenuto il primo posto tra i Trojan più popolari con oltre un quinto degli utenti attaccati che sono stati presi di mira con malware identificato come appartenente a questo gruppo. I primi tre verdetti più popolari che rappresentano quasi la metà degli utenti attaccati dai cryptors sono stati Trojan-Ransom.Win32.Wanna (20,96% utenti attaccati), Trojan-Ransom.Win32.Phny (20,01%) e Trojan-Ransom.Win32.GandCrypt (8,58%).

Allo stesso tempo, la famigerata famiglia di Trojan WannaCry ha mantenuto il primo posto tra i Trojan più popolari con oltre un quinto degli utenti attaccati che sono stati presi di mira con malware identificato come appartenente a questo gruppo. I primi tre verdetti più popolari che rappresentano quasi la metà degli utenti attaccati sono stati Trojan-Ransom.Win32.Wanna (20,96% utenti attaccati), Trojan-Ransom.Win32.Phny (20,01%) e Trojan-Ransom.Win32.GandCrypt (8,58%).

Ulteriori risultati del report includono:

· Kaspersky ha rilevato e respinto 989.432.403 attacchi dannosi rilevati e respinti da risorse online situate in circa 200 paesi e territori in tutto il mondo (crescita del 4% rispetto al terzo trimestre del 2018)

· Le tentate infezioni da malware che mirano a rubare denaro tramite l’accesso online ai conti bancari sono state registrate su 197.559 computer degli utenti (calo del 35% rispetto al terzo trimestre del 2018)

· Il file antivirus di Kaspersky ha rilevato un totale di 230.051.054 oggetti unici dannosi e potenzialmente indesiderati (riduzione del 4% rispetto al terzo trimestre del 2018)

· I prodotti di sicurezza mobile Kaspersky hanno anche rilevato 870.617 pacchetti di installazione dannosa (riduzione del 33% rispetto al terzo trimestre del 2018)

La versione completa del Report IT Threat Evolution Report Q3 2019 è consultabile al seguente link:

https://securelist.com/it-threat-evolution-q3-2019-statistics/95269/

Twitter
Visit Us
LinkedIn
Share
YOUTUBE
YOUTUBE