Ho intitolato provocatoriamente l’articolo “homo smartphonus schizophrenicus” perché l’atteggiamento e la percezione digitale travolgente delle persone è agli antipodi del loro comportamento fisico naturale e sociale nativo … ma con più smartphone che abitanti e oltre l’80% dei dati a cui si accede attraverso questi strumenti non sicuri e invasivi, questo atteggiamento digitale, rapidamente, sta già cambiando i comportamenti fisici quotidiani e le relazioni sociali della maggior parte delle persone.

La decennale mancanza di educazione e cultura dedicata a far conoscere ai cittadini un “ad minima” della giungla digitale, sta causando quella che viene definita medicalmente Schizophrenia, cioè “una grave malattia mentale caratterizzata da una disintegrazione del processo di pensiero, di contatto con la realtà e di risposta emotiva” (Oxford Concise Medical Dictionary, 9th ed., 2015).

Una recente ricerca sull’evoluzione delle Tecnologie e, soprattutto, dell’Intelligenza Artificiale (Rubio, Lastra 2019) evidenzia una schizofrenia totale.

Da un lato, gli europei temono le nuove tecnologie, considerate una sfida enorme e da controllare: “il 67% degli europei ritiene che la governance delle nuove tecnologie sia, con i cambiamenti climatici, la più grande sfida che l’UE deve affrontare in questo momento; il 70% degli europei di tutte le età ritiene che, se non adeguatamente controllate, le nuove tecnologie causeranno più danni che benefici alla società nel prossimo decennio.”

Inoltre, “il 40% degli europei ritiene che l’impresa per cui lavora scomparirà nei prossimi 10 anni se non si attuano cambiamenti rapidi e profondi” e “la maggior parte degli europei ritiene che i governi dovrebbero intervenire per limitare l’automazione e affrontare gli effetti negativi sulla società”.

D’altra parte, in una sorta di schizofrenia totale, “circa il 25% degli europei è in qualche modo totalmente favorevole al fatto che un’intelligenza artificiale prenda decisioni importanti sulla gestione del proprio paese”. In altre parole, l’intelligenza artificiale sarebbe di gran lunga il primo partito politico dei Paesi Bassi – il 43% dei cittadini olandesi è favorevole/non contrario all’opzione AI – ma anche in Germania, Italia o Spagna se si considerano le percentuali del primo partito politico in parlamento).

Peggio ancora, in un continente dove si vede uno smartphone in ogni mano, “il 68% degli europei è preoccupato o molto preoccupato che le persone socializzino digitalmente più che di persona”… quando poi sono i primi a comportarsi in questo modo.

Ma il più grande disprezzo storico, politico, democratico e sociale di tutto il nostro passato, da Atene alle Lumières, è che “più del 50% degli europei ritiene che i contenuti politici e ideologici dovrebbero essere vietati dalle reti sociali per proteggere la democrazia”.

In un’epoca in cui l’agorà, il luogo pubblico, i caffè letterari, i dibattiti filosofici e ideologici prendevano il loro posto “virtuale” nel mondo digitale, e soprattutto nei “social media”, dove poteva essere espresso un “contenuto politico”? E, tra l’altro, che cos’è “politico” o “ideologico” se non qualche discorso fanatico in un periodo in cui tutti i partiti convenzionali negano da decenni la loro ragione d’essere (socialismo, liberalismo, conservatorismo) facendo le stesse false promesse e programmi utopici quando si avvicina un’elezione?

Le radici della malattia: una breve storia 2013-2019

Vi ricordate che fino al 2013, i problemi e le ricerche si sono concentrati sulla limitazione dell’approccio BYOD, sull’uso dei computer portatili per accedere a contenuti non professionali e ai fastidiosi sugli squilli sui telefoni dei colleghi di lavoro?

Ebbene, dall’invasione del 4G, tutto è cambiato, perché non abbiamo più un telefono ma un piccolo e potentissimo strumento multimediale BYOD – in qualche modo è possibile utilizzarlo anche come telefono, custodendo i nostri più profondi segreti personali e professionali e condividendoli con la moltitudine degli utenti presenti che usano hardware e software e delle applicazioni che abbiamo scelto. E tutto è cambiato. Viviamo l’inizio di uno slancio narcisistico ed egoistico di “me, ora, immediatamente”, non importa se siamo al lavoro, a cena o addirittura … a letto.

Questo nostro editoriale rappresenta l’opposto dell’obiettivo centrale che la rivista persegue, la sicurezza informatica, tuttavia, potrebbe essere quella base che se ignorata, senza uso di regole e sanzioni estremamente drastiche per qualsiasi strumento personale IT utilizzato nell’ambiente di lavoro, impedirà una possibile costruzione di una sicurezza completa.

Nel 2016, quando Jason Fried, il fondatore e CEO di Basecamp, intervenuto alla conferenza Lean Startup, ha chiesto alla folla “Chi qui ricorda di aver avuto mai 4 ore di lavoro continuo per sé stessi negli ultimi 5 anni? Il risultato: “Forse 20 o 30 persone hanno alzato la mano. Su 600 presenti. E’ tragico. Un segnale di frattura in ogni dove. E sta peggiorando, non migliorando. Lo stato dell’arte è fottuto” (Fried 2016)

Oggi, considerando la transizione dal 4G al 5G , sempre più medici, psichiatri, specialisti comportamentali, ma anche esperti nel campo produttivo e nel team working, considerano l’uso e l’abuso degli smartphone come la radice di uno dei più importanti cambiamenti psicologici della storia umana e, dicono, che siamo solo all’inizio di questo nuovo passo dell’evoluzione dell’”homo sapiens”.

Nel suo ultimo capolavoro, Homo Stupidus Stupidus Stupidus. L’agonia di una civiltà (Milano 2018), lo psicopatologo di fama mondiale Vittorino Andreoli ha scritto senza equivoci: “Non stiamo più dando importanza ai principi con il risultato che stiamo progressivamente sprofondando nella barbarie. La civiltà non è una conclusione scontata, ma una conquista che passa attraverso la trasmissione di valori e comportamenti. Così, da sapiens sapiens, l’uomo di oggi corre il rischio di diventare uno “stupidus stupidus“, facile preda di una nuova solitudine e vittima di una malattia sempre più diffusa: l’autismo digitale”.

Il concetto di un male ingegnosissimamente creato

Perché così tante persone diventano dipendenti dagli smartphone o in procinto di diventarlo? Ebbene, le ricette utilizzate da tutti i big di Internet GAFAM (Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft) e dagli altri produttori di software, di strumenti e delle famose “app” si basano giusto su due fenomeni semplici e ben noti.

In primo luogo, l’attrattività di qualsiasi gioco, app o strumento informatico è stata ispirata dalla dipendenza da gioco di Las Vegas, un fenomeno studiato in modo approfondito da centinaia di specialisti. Il sapiente mix creato scientificamente di divertimento, di spettacoli gratuiti, del sentimento di essere in una città fiabesca lontana dall’ambiente domestico e dai problemi in aggiunta ad altri mezzi (luci, disegni, piccoli guadagni, atmosfera), portano il visitatore a fermarsi nel casinò fino a quando non ha speso l’ultimo centesimo.

La seconda fenomeno su cui si fonda l’intero successo dello smartphone, e la sua parte più oscura, si basa su una ricerca degli anni ‘50 sui ratti e sulla dopamina neuronale che viene rilasciata attraverso la stimolazione elettrica del cervello (Olds e Miltner 1952). Il risultato sui ratti maschi? Anche in presenza di cibo, acqua e femmine, i topi hanno premuto su un pedale che generava elettrostimolazione per ben 100 volte al minuto (6000 volte all’ora) solo per il piacere cerebrale … fino a quando la maggior parte di loro è morta di esaurimento.

Conosciuto come “drug, sex and rock and roll” booster, la dopamina può essere creata dalle cellule cerebrali se si stimola opportunamente l’encefalo, come ad esempio succede nel caso dei numerosi e attraenti prodotti che già abbiamo o che possiamo scaricare sul nostro smartphone. (vedi Tank 2018 e, soprattutto, Parkin 2018, che prevede che l’Intelligenza Artificiale aumenterà in modo significativo la dipendenza da smartphone grazie all’anticipazione personalizzata e individuale dei desideri di ogni persona, opportunamente impostata all’interno del sistema operativo e in ogni app).

In grado di sconfiggere anche l’intimità della nostra camera da letto

Prima di parlare dell’impatto della dipendenza negli affari e nella democrazia e per dare un possibile esempio più rilevante di questa nuova dipendenza, un recente studio (Salmela, Colley, Häkkkilä 2019) mostra la nuova dipendenza dalle “droghe intelligenti” anche nella camera da letto. Le ragioni dell’utilizzo di questi strumenti informatici “sotto le coperte”, sintetizzate nel grafico sottostante, sono assurde se pensiamo alla nostra vita prima dell’esistenza di questo fenomeno: dormire più facilmente e sostenere le discussioni tra i due partner, a discapito … della tenerezza e della vita sessuale.

Rendici così dipendenti che perdiamo memoria e intelligenza solo guardandoli

Una delle ricerche più pertinenti è stata condotta da un team dell’università di Chicago. L’esperimento consisteva nel portare alcune centinaia di studenti e persone non laureate in tre grandi aule dove sono stati indiscriminatamente distribuiti test identici che richiedevano una certa intelligenza di base con problemi di aritmetica / memoria e domande di cultura generale.

I partecipanti erano suddivisi in tre gruppi. Il primo gruppo aveva losmartphone ad un metro, con divieto di poterlo prendere. il secondo lo aveva in tasca o in borsa, sempre con divieto di afferrarlo, e il terzo era in una stanza con lo smartphone lasciato a un custode esterno. La grafica che segue ci lascia basiti e non ha bisogno di commenti: all’interno dei partecipanti del primo gruppo, la sola semplice visione dello smartphone, raddoppiata dall’impossibilità di afferrarlo, ha abbassato di quasi 1/2 la loro capacità mnemonica e di 1/3 la loro “fluid intelligence” rispetto ai partecipanti nella stanza senza telefono.

Ward, Duke, Gneezy, Bos 2017, figura 1. Esperimento 1: effetto della posizione – tratta a sorte – del telefonino sulla capacità di memoria di lavoro disponibile (OSpan Score, pannello A) e sull’Intelligenza fluida funzionale. I partecipanti che avevano lo smartphone sulla scrivania hanno mostrato la più bassa capacità cognitiva disponibile; quelli che avevano lo smartphone in un’altra stanza (e già semplicemente nella borsa/tasca) hanno mostrato la più alta capacità cognitiva disponibile.

Un disastro in termini di prestazioni aziendali

La tolleranza sul lavoro rispetto alla disponibilità dei dipendenti a essere raggiunti al di fuori dell’orario di lavoro si è trasformata in un grave errore. Recentemente, alcune delle più rinomate riviste di settore hanno dedicato una serie di articoli sulle perdite aziendali causate del tempo trascorso dai dipendenti sul proprio smartphone – fino a 4 ore al giorno su 8 ore lavorative! (si veda ad esempio Akhtar 2019).

La comunità scientifica ha riproposto una vecchia teoria: educare i dipendenti a dedicare speciali fasce orarie (“Zeitgebers”) nell’organizzazione della propria vita personale e professionale (Montag, Kannen, Lachmann, Sariyska, Duke, Reuter, Markowetz 2015). Questo metodo, tuttavia, nell’individualismo e nella mancanza di bioritmo e di igiene disciplinare, non sembra offrire risultati quantitativi di successo e ulteriori passi avanti per combattere la dipendenza dei dipendenti dagli strumenti intelligenti.

Inoltre, recenti studi condotti su dipendenti e leader del domani mostrano un costante degrado dovuto a una crescente dipendenza dagli smartphone (Arefin, Islam, Mustafi, Islam 2017; Mosalanejad, Nikbakht, Abdollahifrad, Kalani 2019) e lo sviluppo di effetti molto pericolosi sugli individui: cambiamenti di personalità, aumento costante dello stress e dell’isolamento/solitudine. Quest’ultimo fenomeno è molto più radicato negli adulti già inseriti nel mercato del lavoro (Ellie, Mazmanian 2013) dove il “flusso di notizie” dello smartphone scelto da ognuno può portare a conflitti con i propri colleghi a causa delle posizioni radicali assunte grazie all’alimentazione da fonti “info” scelte e dalle proprie conoscenze sui social network.

Vale la pena di notare che diversi articoli hanno indicato che le argomentazioni fatte su questo tipo di dipendenza fino a pochi anni fa erano molto limitate e contrastanti poiché la maggior parte delle ricerche venivano fatte su autovalutazioni dei dipendenti (vedi Duke, Montag 2017) o su campioni statistici, alcuni dei quali condotti per un lungo periodo di tempo (al contrario del capolavoro di Tossell, Kortum, Shepard, Rahmati, Zhong 2015).

Ora sono stati stabiliti nuovi standard di studio (Li, Lin 2019) grazie a un’università coreana che, avendo avuto accesso diretto in PPP (Point-to-Point Protocol) a banche dati governative e applicando tecniche di studio sul data mining, ha estrapolato statistiche di successo come ad esempio sull’utilizzo delle applicazioni e su tempo speso su ciascuna di esse (Lee, Han, Pak 2018).

Conclusioni

Amore e paura delle tecnologie non comprese, totale mancanza di cultura generale e di educazione digitale, tweet o false notizie ed erette come verità, individualismo intorno a “amici virtuali che condividono le stesse idee e opinioni”, totale dipendenza da uno strumento telefonico spiato … mettere al sicuro tutto questo, se non si spiega cosa sta accadendo, se non si definiscono le regole e le si impongono attraverso un consenso raggiunto con il dialogo, non può essere considerato una sfida ma solo un semplice sogno.

L’alternativa è accendere una candela a Santa Rita, patrona delle cause perse …

Potremmo non concludere mai, ma parafrasando – sul ciò che la maggior parte degli europei vorrebbe proibire nel mondo virtuale – riportiamo uno dei dibattiti politici e ideologici più interessanti sulla riforma del diritto e sulle allusioni a Dio, il “Per la critica della filosofia del diritto di Hegel. Introduzione” (del 1844) di Karl Marx, noto in tutto il mondo non per il suo contenuto affascinante ma per la frase “La religione è l’oppio del popolo”. Abbiamo quindi cambiato il temine “religione” mondiale con il termine “mondo digitale” nella versione inglese corretta del testo tedesco di Matthew Carmody nel 2009 e da noi tradotta.

(I corsivi sono mantenuti come nel testo tedesco, come le parti che Marx ha voluto sottolineare.)

“L’uomo fa Il mondo digitale, e non Il mondo digitale l’uomo. Infatti, il mondo digitale è la coscienza di sé e il sentimento di sé dell’uomo che non ha ancora conquistato o ha già di nuovo perduto se stesso. Ma l’uomo non è un essere astratto, posto fuori del mondo. L’uomo è il mondo dell’uomo, Stato, società. Questo Stato, questa società producono il mondo digitale, una coscienza capovolta del mondo, poiché essi sono un mondo capovolto. Il mondo digitale è la teoria generale di questo mondo, il suo compendio enciclopedico, la sua logica in forma popolare, il suo point d’honneur spiritualistico, il suo entusiasmo, la sua sanzione morale, il suo solenne compimento, il suo universale fondamento di consolazione e di giustificazione. Essa è la realizzazione fantastica dell’essenza umana, poiché l’essenza umana non possiede una realtà vera. La lotta contro il mondo digitale è dunque mediatamente la lotta contro quel mondo, del quale il mondo digitale è l’aroma spirituale.

La miseria digitale è insieme l’espressione della miseria reale e la protesta contro la miseria reale. Il mondo digitale è il sospiro della creatura oppressa, il sentimento di un mondo senza cuore, così come è lo spirito di una condizione senza spirito. Essa è l’oppio del popolo. (…)

La critica ha strappato dalla catena i fiori immaginari, non perché l’uomo porti la catena spoglia e sconfortante, ma affinché egli getti via la catena e colga i fiori vivi. La critica del mondo digitale disinganna l’uomo affinché egli pensi, operi, configuri la sua realtà come un uomo disincantato e giunto alla ragione, affinché egli si muova intorno a se stesso e perciò, intorno al suo sole reale. Il mondo digitale è soltanto il sole illusorio che si muove intorno all’uomo, fino a che questi non si muove intorno a se stesso.”

Laurent Chrzanovski

Bibliografia
– Akhtar 2019 = Allana Akhtar, Smartphone habits that are getting in the way of your success, in BusinessInsider Apr. 21, 2019 (https://www.businessinsider. com/smartphone-habits-that-are-ruining-your-productivity-2018-7)

– Arefin, Islam, Mustafi, Islam 2017= Afrin Shamsul Arefin, Rafiqul Islam, Sharmina Afrin, Mohitul Ameen Ahmed Mustafi, Nazrul Islam, impact of smartphone addiction on academic performance of business students: a case study, in: Independent Journal of Management & Production (IJM&P), v. 8:3, 2017 (www.ijmp.jor.br/index.php/ijmp/article/view/629/726)

– Duke, Montag 2017 = Éilish Duke, Christian Montag, Smartphone addiction, daily interruptions and self-reported productivity, in: Addictive Behaviors Reports 2017:6, pp. 90-95 (https://www.sciencedirect.com/science/ article/pii/S2352853217300159)

– Ellie, Mazmanian 2013 = Harmon Ellie, Melissa Mazmanian, Stories of the Smartphone in Everyday Discourse: Conflict, Tension and Instability, in Proceedings of the SIGCHI Conference on Human Factors in Computing Systems, New York: ACM, 2013 (https://ellieharmon.com/docs/ HarmonMazmanian-SmartphoneStories-CHI2013.pdf )

– Fried 2016 = Jason Fried, What’s an hour? When 15 + 15 + 15 + 15 does not equal 60, December 14, 2016 (https://m.signalvnoise.com/whats-an- hour/)

– Lee, Han, Pak 2018 = MyungSuk Lee, MuMoungCho Han and JuGeon Pak, Analysis of Behavioral Characteristics of Smartphone Addiction Using Data Mining, in Applied Sciences 2018: 8 (https://www.mdpi.com/2076- 3417/8/7/1191/htm )

– Li, Lin 2019 = Li Li, Trisha T. C. Lin, Smartphones at Work: A Qualitative Exploration of Psychological Antecedents and Impacts of Work-Related Smartphone Dependency, in: International Journal of Qualitative Methods Volume 18: 1–12 (2019)(https://www.researchgate.net/publication/330572104_Smartphones_at_Work_A_Qualitative_ Exploration_of_Psychological_Antecedents_and_Impacts_of_Work-Related_Smartphone_Dependency)

– Montag, Kannen, Lachmann, Sariyska, Duke, Reuter, Markowetz 2015 = Christian Montag, Christopher Kannen, Bernd Lachmann, Rayna Sariyska, Éilish Duke, Martin Reuter, Alexander Markowetz , The importance of analogue zeitgebers to reduce digital addictive tendencies in the 21st century, in: Addictive Behaviors Reports 2 (2015) 23–27 (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2352853215000140)

– Mosalanejad, Nikbakht, Abdollahifrad, Kalani 2019 = Leili Mosalanejad, Ghazale Nikbakht, Saead Abdollahifrad, Navid Kalani, The Prevalence of Smartphone Addiction and its Relationship with Personality Traits, Loneliness and Daily Stress of Students, in Jahrom University of Medical Sciences in 2014: A Cross-sectional Analytical Study, in: Journal of Research in Medical and Dental Science 2019, Volume 7, Issue 2, Page No: 131-136 (https://www.researchgate.net/publication/332548885_The_Prevalence_of_Smartphone_Addiction_and_its_Relationship_with_Personality_Traits_Loneliness_and_Daily_Stress_of_Students_in_Jahrom_University_of_Medical_Sciences_ in_2014_A_Cross-sectional_Analytica)

– Olds, Miltner 1955 = J. Olds, P. Miltner, Positive reinforcement produced by electrical stimulation of septal area and other regions of rat brain, in Journal of Comparative and Physiological Psychology 47:6, 1955, pp. 419-427 – Parkin 2018 = Simon Parkin , Has dopamine got us hooked on tech?, in The Guardian, 4th of March 2018 (https://www.theguardian.com/technology/2018/ mar/04/has-dopamine-got-us-hooked-on-tech-facebook- apps-addiction)

– Rubio, Lastra 2019 = Diego Rubio and Carlos Lastra, European Tech Insights 2019. Mapping European Attitudes to Technological Change and its Governance, Madrid: Center for the Governance of Change, 2019 (de citit pe: www.ie.edu/cgc; download: http://docs.ie.edu/cgc/ European-Tech-Insights-2019.pdf)
– Salmela, Colley, Häkkilä 2019 = Tarja Salmela, Ashley Colley, Jonna Häkkilä, Together in Bed? Couples’ Mobile Technology Use in Bed, in Proceedings of the International Conference on Human Factors in Computing Systems (CHI), (Glasgow, May 2019), New York: ACM, 2019 (https://www. researchgate.net/publication/332060502_Together_in_Bed_Couples%27_Mobile_Technology_Use_in_Bed)

– Tank 2018 = Aytekin Tank. Why productivity isn’t the only thing your smartphone is stealing from you, in JotForm May 24, 2018 (https://www.jotform.com/blog/ productivity-and-smartphone/)

– Tossell, Kortum, Shepard, Rahmati, Zhong 2015 =Chad Tossell, Philip Kortum, Clayton Shepard, Ahmad Rahmati, Lin Zhong, Exploring Smartphone Addiction: Insights from Long-Term Telemetric Behavioral Measures, in International Journal of Interactive Mobile Technologies Volume 9: 2 (2015), pp. 37-45 (https://online-journals.org/ index.php/i-jim/article/view/4300)

– Ward, Duke, Gneezy, Bos 2017 = Adrian F. Ward, Kristen Duke, Ayelet Gneezy, and Maarten W. Bos, Brain Drain: The Mere Presence of One’s Own Smartphone Reduces Available Cognitive, in: Journal of the Association for Consumer Research (University of Chicago), Volume 2: 2 (April 2017), “ The consumer in a connected world “ (https:// www.journals.uchicago.edu/doi/full/10.1086/691462)

Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
LinkedIn
YOUTUBE
YOUTUBE