Il gruppo italiano formato da Luca Faramondi, Gabriele Oliva, Stefano Panzieri e Roberto Setola dell’Università Campus Bio-medico di Roma si è aggiudicato il secondo posto dello Young CRITIS award, il premio dedicato ai migliori progetti di ricerca internazionale di giovani ricercatori.

Nella ricerca “Discovering vulnerabilities in heterogeneous interconnected systems”(Scoperta della vulnerabilità in sistemi interconnessi eterogenei), vincitrice del premio, i ricercatori hanno valutato la vulnerabilità nelle reti di infrastrutture critiche soprattutto in caso di un attacco intenzionale al fine di poter implementare idonee strategie di protezione e garantire una maggiore resilienza.

L’individuazione delle criticità è il primo passo per una corretta allocazione dei fondi, la ricerca presentata vuole proporre un nuovo modo di investire nella protezione delle infrastrutture critiche ponendo l’attenzione sul mantenimento della connettività, requisito funzionale necessario alla fruizione dei servizi associati a tali infrastrutture.

Link alla pagina QUI

Twitter
Visit Us
LinkedIn
Share
YOUTUBE
YOUTUBE