I dipendenti della società Asco di Zaventem sono “tecnicamente” disoccupati da giorni perché i server dell’azienda sono stati compromessi.

Asco, il produttore di parti di aeromobili con sede a Zaventem è stato colpito da pesante attacco ransomware. Secondo i resoconti dei media, le macchine di ASCO sono state infettate da una stringa di codice di ransomware non ancora identificata e l’azienda ha avuto problemi nel ripristinare i propri sistemi.

Come riportato da Data News, ASCO ha temporaneamente chiuso e interrotto le operazioni nella sede di Zaventem all’indomani dell’attacco, nonché le attività dei dipartimenti di produzione in Germania, Canada e Stati Uniti. Circa 1.000 persone sono attualmente in “disoccupazione tecnica” e non potranno tornare a lavoro fin quando la compagnia non ripristinerà i sistemi.

Avendo inizialmente rifiutato di fornire ulteriori dettagli oltre a confermare l’attacco, Asco ha dichiarato a Data News che si trattava di ciò che viene chiamato ransomware. Subito dopo l’attacco, Asco ha nominato esperti interni ed esterni che sono attualmente impegnati ad esaminare la situazione. La società ha anche notificato alle autorità quanto accaduto e ha riferito che, al momento, non ci sono prove di possibili data breach, ma che nonostante tutto sta valutando attentamente la situazione.

I prodotti della compagnia sono utilizzati dalla maggior parte dei produttori di aeromobili, tra cui Airbus, Boeing e Lockheed Martin. ASCO è stata acquisita lo scorso anno dalla statunitense Spirit AeroSystems. Le loro parti sono anche usate per il nuovo aereo da caccia F-35.

Benché gli attacchi ransomware mirano di solito solo ad un riscatto in denaro, un’azienda come Asco, che ha interessi nel settore della difesa, nulla esclude che tale attacco avesse come fine ultimo lo spionaggio informatico.

https://datanews.knack.be/ict/nieuws/vliegtuigonderdelenproducent-asco-gehackt/article-news-1475555.html?cookie_check=1560504227

https://www.vrt.be/vrtnws/nl/2019/06/11/hacking-bij-bedrijf-in-vliegtuigonderdelen-1-000-werknemers-in/

Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
LinkedIn
YOUTUBE
YOUTUBE