Le forze dell’ordine di oltre dieci paesi hanno indagato ben 281 sospettati negli ultimi quattro mesi dopo aver condotto una massiccia operazione al fine di reprimere le truffe BEC (compromissione della posta elettronica aziendale).

La stragrande maggioranza degli arresti ha avuto luogo in Nigeria dove la Commissione per i crimini economici e finanziari (EFCC) ha effettuato 167 arresti. Secondo Znet 105 dei 167 arresti è avvenuto nella regione di Port Harcourt, nel sud della Nigeria.

Ma, mentre la Nigeria è nota per ospitare una vasta moltitudine di truffatori , gli arresti hanno avuto luogo anche in altri nove paesi.

Il Dipartimento di Giustizia ha riferito che 74 degli arresti sono statati condotti negli Stati Uniti, mentre altri 18 sospetti sono stati arrestati in Turchia e altri 15 in Ghana. Secondo quanto riferito dall’FBI sono stati individuati altri presunti truffatori anche in Italia, Francia, Giappone, Kenya, Malesia e Regno Unito.

Le truffe di BEC erano una volta un outlier nella scena del crimine informatico, ma ora sono di gran lunga la categoria più redditizia.

Secondo un rapporto dell’FBI pubblicato all’inizio di quest’anno, le vittime statunitensi hanno perso $ 1,3 miliardi nel 2018 a causa di truffe BEC, più del doppio di quelle perse nell’anno precedente.

Secondo un altro rapporto dell’FBI pubblicato oggi, l’Ufficio di presidenza ha affermato che le vittime di tutto il mondo hanno perso oltre 26 miliardi di dollari a causa di truffe BEC tra giugno 2016 e luglio 2019.

Il Department of Justice (Doj) ha annunciato l’arresto di 74 sospetti nell’ambito dell’operazione Wire Wire, che ha comportato il sequestro di quasi $ 2,4 milioni e il recupero di circa $ 14 milioni fraudolentemente sottratti.

Nuovi arresti sono seguiti nell’agosto 2019, quando il DOJ ha annunciato accuse contro altri 80 sospetti, molti dei quali cittadini nigeriani.

L’Internal Revenue Service, abbreviato in IRS, è l’agenzia governativa deputata alla riscossione dei tributi all’interno del sistema tributario degli Stati Uniti d’America e in una recente dichiarazione ha affermato che i 281 sospettati hanno rubato più di 250.000 identità e presentato più di 10.000 dichiarazioni fiscali fraudolente, tentando di ricevere rimborsi fiscali per oltre 91 milioni di dollari.

Fonte: https://www.justice.gov/opa/pr/281-arrested-worldwide-coordinated-international-enforcement-operation-targeting-hundreds

Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
LinkedIn
YOUTUBE
YOUTUBE